venerdì 28 maggio 2010

Stettamento





OPERA DEGRADATA – NESSUN DIRITTO

Come da Consulente Legale Informatico dell’Avv. Valentina Freudiani

LUCIANA LITTIZZETTO



Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione di togo29 e comunque non sistematicamente.
Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Alcune immagini sono frutto di una ricerca attraverso la rete e/o prelevate da siti all'apparenza di pubblico dominio,ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all’autore del blog che provvedera’ alla loro pronta rimozione.







Mi sa che si e’ alzato il vento delle primavere che alza le gonne e fa mostrare le pere. Eh gia’, perche’ ogni due per tre fotografano una con le tette di fuori. E la Ilary, e la Hunziker, e la Anderson… in ogni rotocalco che si rispetti c'e’ sempre una foto con su scritto …Inconveniente alla serata di gala.. capezzolo fa capolino dal decollete’… Posso dire? Allora..inconveniente una mazza. Se la tetta sta in un contenitore adatto, non esce. Ve lo garantisco. Certo che se ti metti una scollatura larga come il delta del Niger, allora puo’ capitare. Se pretendi di contenere due dirigibili della Goodyear dentro una scollatura che va dalle clavicole all'ombelico, e’ dura..non duro..e’ solo dura che rimangano dove dovrebbero stare. Anche stando immobile, la massa freme. Se poi addirittura balli, ale’ ecco le cascate del Niagara e la tracimazione tettifera. Insomma o ti fissi il vestito con l'Attack, ma poi levarlo son cazzi acidi, oppure devi farti dare due punti di sutura dal chirurgo. Poi, piu’ tette c'hai, piu’ rischi no?. Se sei piatta come uno schermo a cristalli liquidi, puoi anche metterti solo due bretelle che non esce niente, se invece c'hai una quinta rinforzata si scucchiaiano come palle di gelato, strusciano fuori come serpi… Ma ragiona, amica. Se sei Rocco Siffredi, non ti metti un costume a francobollo quando vai al mare, perche’ basta che ti alzi dalla sdraio che ti scappa l'arrosto, no? Chiedo almeno la cortesia di non cadere dal pero. No, perche’ a me fa poi venire i nervi leggere le interviste di queste zizze vaganti che dichiarano…Uhh…ma davvero mi e’ uscito il seno mentre saltavo sul tappeto elastico? Eppure avevo un reggiseno di carta velina grosso come un bicchierino per il prelievo delle urine..Come puo’ essere capitato…. Ma tesoro mio..ci sei o ci fai? Avevi un reggitette grosso come una benda sull’occhio del corsaro, e ti stupisci che due chili di silicone siano tracimati? Le donne lo sanno che le tette vanno sempre un po’ dove vogliono loro, sono anarchiche, son come i vostri amici di Maria che mica stan li’ fermi come le ruote di un cannone…perche’ li chiamate balle? Perche’ ballano! E le tette pure. Ci son quelle che ce le hanno molli come due sacchetti di seirass, o toste come le mozzarelle dentro il nylon, che cerchi di prenderle e loro si spostano… ma mai fisse come paracarri. E se ti sdrai non puoi pretendere che loro stiano li’ ferme come due sassi di Matera. Si muovono. Come due creme caramel che quando il cameriere te li porta continuano a dondolare anche quando son gia’ sul tavolo. Ma quello che mi manda fuori di melone sono le tipe che fan finta di non accorgersene. Ma come? Ti salta fuori dal vestito una bombola del gas e tu non te ne accorgi? ..Si’, ogni tanto sentivo, durante il balletto, che qualcosa mi sbatteva sull’occhio, ma non ci facevo caso... Ragazze? Ma prima di fare un balletto vi fanno l’epidurale? Ve le anestetizzano? Che poi sono le stesse che in mezzo al casino di una festa si accorgono se si smaglia la calza a rete di mezzo centimetro, invece se salta fuori un melone non sentono niente. Secondo me lo fanno apposta. Anzi. Ti diro’ di piu’. Si organizzano…Bene… stasera devo ballare la lambada…. adesso mi metto un reggiseno di pelle d'anguilla di due taglie piu’ piccolo e per sicurezza mi ungo le bocce con l'olio di tapumtapum. Cosi’ volano via che e’ una meraviglia... Se se continua cosi’, non lamentatevi e per forza poi tutti pensano che tutte le donne siano delle incutite.

venerdì 21 maggio 2010

Argomento del Biiiip



Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione di togo29 e comunque non sistematicamente.
Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Alcune immagini sono frutto di una ricerca attraverso la rete e/o prelevate da siti all'apparenza di pubblico dominio,ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all’autore del blog che provvedera’ alla loro pronta rimozione.


Mi tocca. Torno al mio elemento. Torno al focolare, alla materia grassa, al fango primordiale della comicita’ svaccona, torno alla notizia idiota che, trattata da me, non puo’ che peggiorare.
Novita’ per tutti i willissini d’Italia. D’ora in avanti chi ha problemi di decollo dell’arnese, di consistenza dell’attrezzo, insomma chi non sa come far decollare il suo modellino miniaturizzato, c’e’ la calamita. Si’. La calamita da willis. E’ un nuovo ritrovato. Vi dico anche come si chiama. Segnatevelo. Che male c’e’? Non e’ mica vergogna, se ti resta molle come una acciuga sott’olio... Si chiama Vigor. Piu’ o meno come la marca dei ciclets. Anche facile da ricordare. Se ce l’hai come un bubblegum prendi Vigor. Di cosa si tratta. Spiego l’ambaradan. Tu, maschio che soffri di caduta libera, maschio che hai spesso willis che fa bungee jumping, tu maschio che vorresti che ti saltasse fuori dalle mutande il lupo cattivo e invece si affaccia pollicino, basta che ti sistemi all’attaccatura delle orecchie due piccole calamite e per magia willis ti diventa di ferro e si solleva. Come il ponte levatoio dei castelli. Senti anche il rumore… Sradadadadan...
Si’, perche’ pare che nell’orecchio ci siano dei punti magici che si possono stimolare per guarire da un sacco di malattie compreso lo smollacchiamento del joystick. Insomma, la calamita cosa fa? Attiva dei neurotrasmettitori che mandano l’impulso al Grande Fratello che entra in nomination. Si solleva come Polifemo quando lancia i massi a Ulisse. E il maschio non dovra’ mai piu’ gridare alla sua donna… Buttati che e’ morbido! Pero’ attenzione.. non e’ che devi metterti la calamita prima di fare il ciupa dance, prima della performance... Anche perche’ non sarebbe carino. Tu inviti a cena una, lei vede le calamite e capisce subito che aria tira. Certo, le puoi sempre dire…Amore per questa serata importante ho pensato di mettere gli orecchini di mia madre...eheh, ma poi lei si preoccupa ancora di piu’ azz e sta attento al posteriore. No, tu ti devi caricare prima. Come se fossi un telefonino. Ti metti in carica le orecchie come si fa per il cellulare. Minimo 20 minuti e ti dura 4 ore, massimo 60 minuti e l’effetto dura 14 ore. Giuro che e’ tutto vero. Nei casi più difficili ci vogliono due magneti da motore marino, che pesano sui quaranta chili l’uno. Ma scusa, mi chiedevo, se per far risorgere il geco albino ti metti i magneti nelle orecchie, per guarire dalla otite ti implacchi due calamite sugli amici di Maria? Vedrai che ci sara’ gente che si fara’ fare delle calamite enormi.
Si, perche’ il maschio e’ cosi’. Non basta mai. Occorre avere la macchina piu’ lunga, l’orologio piu’ grosso e le calamite piu’ enormi. Peccato che ci va’ di mezzo sono sempre le femminucce. Perche’ passeranno da un estremo all’altro. Dal nulla cosmico, alla tempesta magnetica. Capace che per strafare i maschietti terranno i magneti in carica nelle orecchie per due settimane. Cosi’ poi dalle mutande partira’ un manico di rastrello che li prendera’ in fronte facendoli cadere come salami messi ko dal risorto pralinato ducale. Willis Docet.


giovedì 20 maggio 2010

domenica 16 maggio 2010

Photobucket

venerdì 14 maggio 2010

Foot Short





Questa e’ una richiesta accorata di chi ha il piede adatto alla sua statura e senza fare nomi mi riferisco alla Litty nazionale che ha problemi nell’approvvigionamento scarpe e vorrei che anche un’altra persona ne avesse ma vabbe’ non si puo’ pretendere tutto dalla vita ed ecco l’invocazione, giusta invocazione della rasoterra.


Oggi vorrei elevare al cielo una preghiera. Una supplica accorata. Una prece. Mi rivolgo agli scarpari. A tutti i geppetti del cuoio, agli artisti della tomaia, ai profeti del decolte’. Io vi prego con tutto il cuore. Quando fate le scarpe da donna, potete fare per favore anche i 34 e 35 per noi minipony? Per noi diversamente abili di piede? Zampe di criceto? Io non dico di non fare i 38, i 40 e le barche a vela del 44 per carita’... Volete fare un 47 tacco dodici color pera per le drag queen? Sono io la prima a dire bravi. Ma poi, magari con i ritagli di pelle di scarto, con i pezzi di pelle di vitello sbirgoli ricavati dalle orecchie e dal tondino della coda della mucca, potete fare per cortesia qualche scarpa in piu’ del 35? Che sono stufa di andare in giro con le scarpe dei clown 3 numeri piu’ lunghe? Mettetevi una mano sulla coscienza e una sulla tomaia, vi prego. Tutti li’ che camminano in una Valle Verde e noi chi siamo? Le figlie della serva?
Ma guardatevi intorno.. non ci sono solo stangone alte uno e ottanta tipo Cristina, ci son tanti bei donnini di un metro e una gazzosa che c’hanno i piedi monchi anche se non se li fasciano nella culla come le cinesi. Cosa devono portare, ’ste disgraziate, ai piedi, due baguette, due sci? Io ho 45 anni (anche se ne dimostra meno n.d.r.), Reverendi. Non ne posso piu’ di andare in giro con le Lelli Kelly, le scarpe di panno con le stelle alpine, e le Geox col velcro come all’asilo. Son stufa di entrare da Bambi a comprarmi le scarpe con stampati i Pokemon. Se il seno perfetto sta in una coppa di champagne, il piede ideale deve stare nella bottiglia da un quarto delle osterie. Fine. Prendete la misura cosi’. Che non ne posso piu’ di sentirmi dire…Guardi, avevamo un 35 ma l'abbiamo venduto.... Si’, perche’ se lo fanno, ne fanno uno. Come la Gioconda. Finito quello ciao. Oppure ci son quelli che fanno il 35 bastardo. Finto. Un 35 pero’ pianta larga. Una piastrella di cuoio. Ma siete cretini? Non e’ che se hai il piede corto per pareggiare ce l’hai largo. Noi basse non abbiamo le zampe del pastore tedesco, maestro della concia... Guarda. Fate una linea a nome mio. Vi do il permesso. La linea …Littizzetto, piede corto da nanetto... No, perche’ se continua cosi’ noi zampe di gatto andiamo giu’ di testa. Prendiamo poi a sberle i commessi quando ti dicono…Guardi il 35 non c’e’. Prenda il 36 e ci mette un po’ di cotone sulla punta... Ma mettilo te il cotone sulla punta... Quando ti metti in costume da bagno e sembra che sia vuoto davanti mettici il pluriball. Pezzo di babbeo. Prova, ad andare in giro tutto il giorno con un gnocco d’ovatta nella scarpa.. la sera ce l’hai mummificato, il piede, la sera ti levi la scarpa e salta fuori la pietra filosofale. Un sasso di Matera. Idiota. Oppure ti dicono…Metta una soletta... Minchia e straminchia. Allora. La soletta non e’ che allunga il piede, lo alza... maledizione... cosi’ invece di uscirti da dietro ti esce dall’alto... Mettitela tu la soletta. Pirla. Prova. Se ce l’hai corto mettiti la soletta. Prova. Vedi un po’ se ti si allunga. La soletta te lo alza magari fino al mento ma non te lo allunga. La lunghezza della tua pochezza resta quella. Imbecille.
Fine della preghiera per i dott.scarpari, ma io dico, l’avete vista l’ultima volta in TV con quelle scarpe ortopediche ai piedi? A dire il vero la zeppa l’ha allungata di 8 cm ma sempre rasoterra e’ rimasta e per di piu’ con quella camminata tipo..levatele la bottiglia..che fa tanto osteria numero nove dove i soldati fanno le prove, le fanno contro il muro per veder chi ce l’ha piu’ duro..

venerdì 7 maggio 2010

Che Balle sto Bolle


Devi adeguarti Litty. Devi promettere anche tu di fare lo spogliarello. Tutte le vamp del paese annunciano che se vince la loro squadra, si spogliano nude. Quindi sbiottati anche tu... ma dai stiamo tranquilli. Ci sono pochissime probabilita’ che succeda, dato che sei della Juve. Sei condannata a stare vestita.. mi sa ancora per un bel po’. Melissa Satta ha detto che si spoglia se vince il Milan, la Francesca Fioretti si spoglia se vince il Napoli, persino la Ferilli ha detto che si Rispoglia se vince la Roma. Lei l’aveva gia’ fatto una volta. Era rimasta con addosso uno strato di pelle di salsiccia... hai presente quando levi la pelle al polpo? Ecco, uguale. Potrebbe almeno fare qualcosa di diverso, non so, buttarsi con l'elastico da Ponte Milvio, quello dei lucchetti, passare in elicottero a far vedere le tette anche nelle periferie, affacciarsi all’Angelus insieme al Papa, con le scarpe rosse di Prada uguali alle sue. Per il Cagliari, per dire, chi si spogliera’? Cossiga? Se vince l’Inter si spoglia la Moratti?

Un altro che si e’ spogliato e’ Roberto Bolle il ballerino, il Maradona della calzamaglia, il Pele’ del sospensorio. Giorni fa ha debuttato al San Carlo di Napoli con una nuova versione della «Giselle» in cui balla nudo. Oltre al lato B lui mostra il lato A. Non che il lato B facesse schifo... C’ha delle natiche, Bolle, delle chiappe di goretex con dentro la materia di cui sono fatti i diamanti, sembrano incollate fra di loro con l’attak. Comunque, dicevo... Bolle, all’ultima scena, per la disperazione di vedere che Giselle e’ morta, si spoglia nudo e fa il plie’ e il plisse’ con willis deshabille’. Che tra tutte le cose che poteva fare quella era proprio l'ultima... Poteva farle la respirazione bocca bocca a ’sta Giselle, provare a risuscitarla con gli elettrodi come Frankenstein, poteva piangere a dirotto, strapparsi i capelli, prendersi a scudisciate. No. Lei e’ morta? Perfetto. Tiro fuori il pirillo. Mi metto a sventolare il corredo da bollito. Ma ti pare? Capirei se fosse stato il «Flauto magico» o «L'Uccello di fuoco »... Tra l'altro pensa come sara’ contenta la ballerina, perche’ la protagonista di Giselle e’ Giselle, mica il principe? Lei che avra’ studiato quindici anni, coi calli ai piedi, i sovraossi, finalmente la chiamano a fare Giselle, non gli piomba sui maroni Bolle che tira fuori il merlo rosa? E cosi’ guardano tutti lui? Ma certo. Perche’ poteva entrare Brunetta a fare la morte di Giselle bevendo il Solepiatti e non se ne accorgeva nessuno. Tra l’altro, pensavo, sara’ anche difficile ballare con tutto ’sto ambaradan libero e bello... E’ come portarsi dietro un gatto in bici, da’ piu’ fastidio che aiuto. Non credo che se ne stia in elevasion... se ne stara’ li’ morto come la morte del cigno... non lo puoi neanche usare per fare il jete’, le randonne’, il pas de deux e il caprice des dieux. Fai una piroette e si mette a ruotare come la roulette... Gli amici di Maria uguale. Quelli ballano per conto loro... Lui balla da una parte, gli altri ballano dall'altra... Un balletto nel balletto. Comunque, nonostante quelli del teatro si fossero raccomandati di non fare riprese con telecamere, nel momento clou in cui Bolle ha fatto volteggiare nell’aria il croissant hanno tutti sfoderato il telefonino ed e’ partita una scarambola di flash che momenti l'acceca. L’aurora boreale. Le luci di LasVegas. E adesso sara’ pieno di trofie che avranno nel desktop del telefonino le balle di Bolle.